HOME PAGE / IMENOPLASTICA, LA RICOSTRUZIONE ANATOMICA DELLA VERGINITÁ

L'imene è la membrana fragile, sottile e molto vascolarizzata che ricopre parzialmente l'ingresso della vagina. Sotto il profilo sociale l'imene è da sempre il simbolo della verginità femminile in molte culture, anche se la sua funzione biologica è incerta; la sua utilità fisiologica è infatti nulla, poiché esso è un semplice residuo embrionale, destinato a lacerarsi durante il primo rapporto sessuale completo. La lacerazione provocata dalla deflorazione causa infatti la rottura dell'imene, spesso accompagnata da un leggero sanguinamento.

La ricostruzione dell'imene (imenoplastica) è una procedura chirurgica rapida (circa 30 minuti) e relativamente semplice, che si esegue in day-hospital. L'intervento, che avviene in anestesia locale con sedazione, consente la ricostruzione naturale dell'imene a partire dal residuo del cercine imenale, in quanto questo non viene completamente distrutto, e nel caso non fosse sufficiente si può utilizzare parte della mucosa vaginale

Il ritorno alle normali attività quotidiane avviene in genere nelle 24 ore successive all'operazione, senza che la paziente provi alcun dolore. La sutura è realizzata con un filo riassorbibile, che quindi non necessita di essere rimosso. Il risultato chirurgico è impeccabile, e nell'arco di poche settimane dell'intervento non resta alcuna traccia.

 

 

 

 

 

 

 

 

pagina aggiornata al 05/10/2011